GSGS - Mappe della Seconda Guerra Mondiale

La maggior parte delle mappe impiegate dagli Alleati durante la Seconda Guerra Mondiale nello scenario bellico del Mediterraneo, erano prodotte dalla Geographical Section - General Staff (GSGS), operativo sotto la direzione del Great Britain War Office.

In tempo di pace, il ruolo del GSGS era di fornire mappe, preparare rilievi, raccogliere dati e fornire formazione. Con l'avvicinarsi del conflitto il GSGS iniziò a mappare gran parte del territorio europeo, specialmente quello di interesse militare, utilizzando spesso come base di partenza la cartografia adottata dagli altri Stati. La scala adottata variava in base allo scopo e scendeva fino ad un dettaglio di 1:5.000 per le grandi città.

La produzione della cartografia in Italia era affidata all'Istituto Geografico Militare e la ritroviamo come base di partenza nelle mappe in scala 1:25.000, 1:50.000 e 1:100.000

Il territorio italiano, in aggiunta alla British Military Grid Zone, è diviso tra Nord e Sud con due colorazioni differenti: blu e rosso.

GSGS Grid

Inoltre per la realizzazione di mappa in piccola scala utilizzarono basi proveniente dal Touring Club Italiano, dall'Istituto Geografico De Agostini, ecc.

In preparazione dell'invasione della Sicilia, che ebbe luogo nel luglio del 1943, la GSGS produsse inoltre guide illustrate alla consultazione delle mappe prodotte.

Notes on GSGS Maps of Italy, Sicily, Sardinia and Corsica - 1 May 1943 (43.1 mb)

Italy - A Selection of Maps of the area held in the G.S.G.S. Map Library (6.9 Mb)

Glossary and reference system card for G.S.G.S. maps of Italy (2.8 Mb)