Background strategico

Alla Conferenza di Washington del maggio 1943 fu deciso che la maggiore offensiva contro il continente europeo per provocare la sconfitta della Germania sarebbe stata montata dal Regno Unito all'inizio dell'estate del 1944.

A quel tempo le operazioni nell'area del Mediterraneo derivante dagli sbarchi alleati in Africa nord occidentale (Operazione "Torch") e l'avanzamento verso ovest del Eighth Army dall'Egitto, si stavano avvicinando a una conclusione positiva. I Combined Chiefs of Staff, che alla Conferenza di Casablanca avevano istruito il Generale Eisenhower di seguire l'Operazione "Torch" montando un assalto contro la Sicilia in luglio, ora da lui diretto, sfruttando la presa della Sicilia, egli dovrebbe pianificare operazioni per eliminare l'Italia dalla guerra, per stabilire basi aeree da cui potrebbero essere effettuati attacchi aerei pesanti e prolungati contro la Germania, e per contenere le divisioni tedesche nell'Europa meridionale. Quest'ultimo non solo aiutò la prevista invasione contro l'Europa occidentale, ma aiutò anche a indebolire l'opposizione tedesca contro la Russia.

Per queste operazioni previste, al generale Eisenhower furono assegnate tutte le forze di terra nell'area del Mediterraneo ad eccezione di alcune divisioni britanniche ed americane che dovevano essere restituite al Regno Unito alla conclusione della campagna siciliana.

Le operazioni per la cattura della Sicilia sono trattate nel Capitolo XII, Sezione 4, pagine 496-504.

 

Pianificazione anticipata

Furono presi in considerazione vari piani alternativi. Il primo era quello di lanciare un assalto marittimo attraverso lo Stretto di Messina fino alla punta dell'Italia in modo da assicurarsi un approdo in Calabria. Considerazione alternativa era stata data alla conquista di Sardegna e Corsica, dalle cui isole ci sarebbe stata una minaccia laterale contro la costa occidentale dell'Italia, e anche una minaccia contro la costa meridionale della Francia.

La caduta di Mussolini il 25 luglio introdusse un nuovo fattore di influenza politica. Sorgeva ora un urgente bisogno di far precipitare una resa italiana e la U.S. Fifth Army era stata incaricata di pianificare un atterraggio d'assalto (Operazione "Avalanche") nel Golfo di Salerno, in provincia di Napoli, con data obiettivo la prima settimana di settembre, 1943. Nel frattempo proseguivano i preparativi di pianificazione per l'assalto al dito del piede dell'Italia attraverso lo stretto dalle formazioni del Eighth Army (operazione "Baytown").

 

Il corso delle operazioni militari

Per spiegare e chiarire le varie attività di indagine durante la campagna, sarà bene sintetizzare i principali eventi operativi verificatisi tra la prima settimana di settembre 1943 e maggio 1945, quando gli eserciti tedeschi furono sconfitti e si arresero incondizionatamente.

SBARCHI INIZIALI A REGGIO, SALERNO E TARANTO

L'assalto attraverso lo Stretto di Messina fu portato a termine con successo da Divisioni canadesi e britanniche della Eighth Army il 3 settembre. In quella data in cui fu firmato ma non annunciato l'armistizio con l'Italia.

Il 9 settembre avvenne lo sbarco a Salerno, accompagnato da un annuncio dell'armistizio. L'assalto fu effettuato da Fifth Army, con una Task Force settentrionale (britannica) e una Task Force meridionale (USA). Sopra questa stessa data elementi della 1 Airborne Division (britannica) sbarcarono a Taranto e assicurarono il porto.

Il 16 settembre le truppe del Eighth Army, dopo aver risalito la costa da Reggio, entrarono in contatto con le forze di Salerno, e anche con la truppe del 5 Corps dall'area di Taranto. Da quel momento tutte le forze alleate in Italia passarono sotto il comando del H.Q. 15 Army Group.

L'evacuazione delle truppe tedesche dalla Sardegna iniziò l' 11 settembre e fu completato entro il 18 settembre. Le unità francesi occuparono poi la Corsica, quest'isola venne ripulita dal nemico entro il 6 ottobre.

 

NAPOLI E GLI AEROPORTI DI FOGGIA

Entro il 28 settembre gli importanti aeroporti di Foggia erano stati conquistati dalla Eighth Army, e Napoli fu occupata il 1 ottobre. L'Italia dichiarò guerra sulla Germania il 13 ottobre con lo status di cobelligerante, e c'erano indicazioni che le forze tedesche intendevano prendere posizione su una linea a sud di Roma, con forti linee difensive intermedie tra quella posizione e il loro contatto con gli alleati più a sud.

Una direttiva emanata dal generale Eisenhower il 30 settembre affermava che gli obbiettivi principali delle successive operazioni in connessione con l'anticipo alla linea invernale erano come sotto:

La presa di una linea precisa che avrebbe reso sicuro l'aeroporto di Foggia e l'area di Napoli.
La successiva presa di una linea che avrebbe messo in sicurezza Roma ed i suoi aeroporti.

L'unificazione del comando dell'intero teatro mediterraneo fu effettuato il 10 dicembre. Ciò si aggiunse alle responsabilità del generale Eisenhower di Grecia, Albania, Jugoslavia, Romania, Ungheria, Creta, Egeo e Turchia. Egli fu nominato Allied C.-in C. of the Mediterranean theatre, ma poco dopo lo consegnò al generale Sir H. Maitland Wilson quando procedette al Regno Unito per diventare Supreme Commander per l'invasione dell'Europa occidentale.

Durante l'inverno 1943-44 le operazioni si svilupparono in maniera lenta, dolorosa avanzata attraverso un paese difficile contro un nemico che sfruttava gli ostacoli naturali di mine e demolizioni, ma le forze alleate ne contenevano un gran numero delle divisioni tedesche in Italia e, dalla loro occupazione della Corsica, stavano offrendo una potenziale minaccia contro la Francia meridionale. Sembrava chiaro che l'unico modo di frustrare la politica difensiva del nemico era sfruttando gli sbarchi anfibi lungo la costa dietro le sue linee.

 

ANZIO E LA CAMPAGNA INVERNALE

La pianificazione per uno sbarco ad Anzio era stata avviata dal personale della Fifth Army nel novembre 1943, la data obiettivo era il 20 dicembre. Come preliminare a questo assalto, l'Eighth Army aprì la prima fase della battaglia di Roma attaccando l'Italia orientale attraverso il fiume Sangro il 26 Novembre. Maltempo, inondazioni, strade impraticabili e forte resistenza nemica fermò la loro avanzata a circa 25 miglia da Pescara, l'obiettivo.

Un attacco della Fifth Army nell'Italia occidentale, che formava il seconda scenario fino allo sbarco di Anzio, fu varato il 1 dicembre. Il progresso fu lento, e divenne chiaro che l'avanzata dei due eserciti alleati non sarebbe stato sufficienti a rendere possibile il previsto sbarco ad Anzio il 20 dicembre. Poiché la situazione dei mezzi da sbarco era critica, con richieste per molti di essere rimandati nel Regno Unito per l'Operazione "Overlord", fu considerato che un ulteriore rinvio fosse impossibile. L'operazione, come originariamente previsto, fu quindi abbandonata.

Poi arrivò la Conferenza degli Alleati a Tunisi il 25 dicembre, quando fu ordinato che la spinta su Roma andasse continuata in modo da garantirne la profondità della protezione sugli aeroporti di Napoli e Foggia, e di infliggere possibilmente altrettanti danni agli eserciti tedeschi in previsione dell'offensiva alleata in Europa occidentale. Di conseguenza, fu presa in considerazione la necessaria strategia per accelerare la campagna italiana in modo da rendere possibile un attacco contro la Francia meridionale nella primavera del 1944. La pianificazione fu ripresa per lo sbarco anfibio ad Anzio, con scadenza provvisoria il 22 gennaio. Fu ottenuta l'autorizzazione per il trattenimento dei vitali mezzi da sbarco per un ulteriore breve periodo prima del loro ritorno nel Regno Unito. All'inizio di gennaio fu iniziata la riorganizzazione della Fifth e della Eighth Army in modo da liberare le formazioni d'assalto per intensivi addestramenti.

Come preliminare allo sbarco, la Fifth Army lanciò un'offensiva il 12 Gennaio tra i fiumi Garigliano e Rapido e l'assalto ad Anzio ebbe luogo il 22 gennaio. Il nemico, dopo essersi riorganizzato, ostinatamente trattenne gli attacchi alleati, con il risultato che questa fase dell'inverno l'offensiva alleata si concluse alla fine di gennaio.

All'inizio del febbraio 1944, si tenne un contrattacco tedesco contro la spiaggia di Anzio e l'aspra lotta contro la forte posizione di Cassino iniziò, il famoso monastero fu distrutto dai bombardamenti aerei il 15 Febbraio. Il nemico attaccò di nuovo con forza contro la spiaggia di Anzio ma senza successo.

A metà marzo fu organizzato un altro attacco alleato nella zona di Cassino, ma fu abbandonato, e ci fu una pausa per riorganizzarsi. Nel frattempo la Eighth Army aveva sfondato in parte le principali difese nemiche sulla costa adriatica e mantenne salde queste posizioni durante i combattimenti di Anzio e Cassino.

A parte gli sbarchi ad Anzio, la campagna invernale non era stata spettacolare, ma aveva ingaggiato circa 18 divisioni tedesche, infliggendogli perdite considerevoli; L'Italia era fuori dalla guerra, la pressione contro il gli eserciti russi era stata ridotta, ed era ovviamente di grande valore come preliminare alle prossime operazioni nell'Europa occidentale.

Con l'avvento di un tempo migliore, e dopo ulteriori preparazioni e raggruppamenti, Cassino fu infine catturato il 18 maggio e questo aprì la via per un'avanzata su Roma che culminò con la sua occupazione il 4 giugno.

Prima di affrontare con successo l'offensiva alleata che portò alla cattura di Roma sarà bene, in questa fase, considerare la pianificazione e le fasi operative dell'invasione d'assalto della Francia meridionale che era stata pianificata, montata, ed effettuata sotto il controllo A.F.H.Q., e che coinvolse urgenti ed estesi preparativi per la mappatura.

 

L'INVASIONE DELLA FRANCIA MERIDIONALE ("ANVIL")

Alla Conferenza del Quebec nell'agosto 1943, i Combined Chiefs of Staff decisero che un attacco diversivo dovesse essere effettuato contro la Francia meridionale. Più tardi, alla Conferenza del Cairo, fu concordato che questo doveva essere un grande assalto, e successivamente fu incorporato nell'accordo con la Russia alla Conferenza di Teheran quando furono elaborati piani di alto livello per l'apertura di un "secondo fronte" in l'Europa occidentale.

Inizialmente fu prevista che l'invasione della Francia meridionale fosse lanciata in concomitanza e in coincidenza con l'assalto principale nella Francia settentrionale (Operazione "Overlord"), probabilmente nel maggio 1944, mentre le forze alleate in Italia che, si pensava, avessero ormai costretto il nemico ad andare dietro la linea Pisa-Rimini, dovevano mantenere la più forte pressione possibile senza detrarre dalla operazione francese. Nessun'altra offensiva doveva essere intrapresa nel teatro. Il piano originario prevedeva un assalto di terra sulle spiagge nelle vicinanze di Marsiglia e di Tolone, ed un successivo avanzamento verso nord in direzione di Lione e Vichy.

Il problema principale che interessava la pianificazione era la carenza di mezzi d'assalto. Nonostante l'operazione anfibia che avrebbe dovuto svolgersi nel Golfo del Bengala contro i giapponesi durante il 1944 fu rinviata, c'erano molte richieste contrastanti per mezzi d'assalto, non solo tra il Mediterraneo ed i teatri europei, ma all'interno del Mediterraneo stesso, dove, a causa del lento progresso su per l'Italia verso Roma, c'erano piani per sbarchi anfibi dietro i fianchi nemici. Un altro importante fattore fu la decisione dei pianificatori di "Overlord" di aumentare la forza del loro assalto nel nord della Francia il che comportò un'ulteriore richiesta di mezzi da sbarco.

Nel frattempo H.Q. Seventh (US) Army fu designato come pianificatore e personale operativo per l'invasione. L'incertezza sui numeri delle imbarcazione da sbarco che erano disponibili e la forza d'assalto, combinata con le difficoltà operative in Italia dovute al lento avanzamento seguiti allo sbarco di Anzio, fece sorgere dubbi, durante l'ultima parte di febbraio, se l'operazione prevista nel sud della Francia potesse svolgersi come inizialmente previsto. Questo dubbio fu rafforzato quando una nuova direttiva dal Combined Chiefs of Staff diede alla campagna italiana la priorità assoluta su tutte le operazioni presenti e future nel Mediterraneo, e chiamò tutte le risorse all'interno del Teatro. Allo stesso tempo, tuttavia, fu ordinato che i piani alternativi dovevano essere preparati per un'operazione che, pur non pregiudicando la campagna Italiana, avrebbe contribuito all'invasione della Francia settentrionale contenendo il numero massimo di forze nemiche. La prima di queste alternative doveva essere un'invasione della Francia meridionale da parte di un assalto a due divisioni, aumentabile fino a circa dieci divisioni, avvalendosi al massimo delle forze francesi.

Col passare del tempo diventò sempre più chiaro che, qualunque operazione fosse pianificata contro la Francia meridionale, doveva essere rinviata a dopo la data prevista per l'inizio di giugno dell'operazione "Overlord".

Verso la fine di marzo una stima della situazione in Italia indicò che in vista della resistenza tedesca a Cassino e altrove che reggeva l'avanzata su Roma, la prima data possibile per l'assalto nel sud della Francia doveva essere rinviata a metà agosto. Questo introdusse un dubbio se un'operazione del genere, che doveva inevitabilmente indebolire le forze armate alleate in Italia, fosse il modo migliore per assistere l'invasione alleata nel nord della Francia. Fu considerato da A.F.H.Q. che i mezzi e le forze disponibili potessero essere meglio utilizzate per condurre sbarchi anfibi e successive operazioni per favorire l'avanzamento della campagna nella stessa Italia. Uno di questi piani prevedeva una penetrazione nella Pianura Padana attraverso la Linea Pisa-Rimini e un'operazione anfibia contro la penisola d'Istria per sfruttare l'attraversamento della Ljubljana Gap nelle pianure dell'Ungheria, minacciando così il cuore della Germania dalla porta posteriore in combinazione con l'avanzata russa da est.

Questi piani e possibilità alternative sono menzionati qui in dettaglio in quanto illustrano l'entità dei problemi di mappatura che ha dovuto affrontare il Director of Survey at A.F.H.Q. durante questo periodo. Ovviamente doveva essere preparato a fornire mappe per uno o tutti questi sviluppi.

L'invasione alleata della Francia settentrionale ("Overlord") ebbe luogo il 6 Giugno 1944, e sorse un nuovo fattore. Il generale Eisenhower desiderava che fossero effettuate operazioni che cancellavano ulteriori porti francesi in modo che le formazioni alleate potessero essere dispiegate in Francia più rapidamente e su un fronte più ampio di quanto fosse fattibile all'interno della limitata testa di ponte della Normandia. Per facilitare questo accettò di deviare le risorse per rendere possibile un assalto nel sud della Francia per catturare un importante porto. A.F.H.Q. riteneva ancora che una continuazione dell'avanzata in Italia verso la Pianura Padana e la Ljubljana Gap, assistita da operazioni anfibie contro Trieste, apparisse la migliore politica strategica, ma le esigenze del generale Eisenhower furono accettate come decisive, e il Comando Mediterraneo fu diretto a effettuare l'assalto contro il sud della Francia con il 15 agosto come data obiettivo, utilizzando tre divisioni per l'assalto, in aumento fino a dieci, e con risorse extra in termini di portaerei e truppe inviate dal Regno Unito.

Era ora possibile definire gli oggetti di questa operazione che erano:

  1. Contenere e distruggere le divisioni nemiche che altrimenti potevano opporsi alle forze del generale Eisenhower nel nord della Francia.
  2. Garantire un porto importante per l'ingresso di forze alleate aggiuntive, e per stabilirne nuove linee di comunicazione.
  3. Minacciare il fianco meridionale e le comunicazioni posteriori delle forze tedesco che si opponevano agli alleati nel nord della Francia.

Marsiglia e Tolone furono gli obiettivi portuali, con successivi sfruttamenti lungo la Valle del Rodano fino a Lione e Digione. Va notato qui che, un tempo, il personale addetto alla pianificazione aveva considerato Bordeaux come un obiettivo del porto. Si realizzerà che cosa fu coinvolto nel modo di preparazione e produzione della mappa quando venivano selezionati obiettivi alternativi ampiamente separati per un atterraggio d'assalto con le loro ampie aree di sfruttamento e le successive linee di avanzamento, e in che misura un importante cambiamento di piano dislocava un già ampio programma di mappatura.

Il 30 luglio H.Q. 6 Army Group fu stabilito in Corsica, che avrebbe fornito successivamente un comando di coordinamento e controllo delle forze americane e francesi che dovevano sbarcare nel sud della Francia, e che sarebbero passate sotto il comando del generale Eisenhower quando il contatto con le forze "Overlord" fosse stato stabilito.

Lo sviluppo delle operazioni alleate in Normandia e lo sfondamento delle forze americane in Bretagna influenzarono profondamente la situazione strategica, poiché ora sembrava esserci la possibilità di aprire importanti porti in Bretagna per l'ingresso incontrastato e rapido delle forze mediterranee programmate per lo sbarco nel sud della Francia. Si rese necessario considerare la possibilità di dirottare queste forze verso i porti della Bretagna e questo, ovviamente, avrebbe introdotto nuove e inaspettate complicazioni per quanto riguarda l'approvvigionamento di mappe. Tuttavia, i Combined Chiefs of Staff, vista l'incertezza sull'andamento delle operazioni alleate in Bretagna, non acconsentirono a tale deviazione e, infatti, i porti non furono occupati se non molto più tardi. Il 10 agosto si decise di procedere con il previsto assalto nel sud della Francia. I principali porti di montaggio erano Napoli, Orano, Taranto e Brindisi, in ognuno dei quali era necessario assemblare le scorte di mappe necessarie per l'emissione in condizioni di sicurezza. Una divisione aviotrasportata doveva decollare dalle sue basi nell'area di Roma.

L'assalto avvenne con successo nelle prime ore del 15 agosto, con rapidi avanzamenti nelle valli dei fiumi Rodano e Durance. Durante la seconda settimana sia Tolone che Marsiglia furono sgombrate e la resistenza nemica organizzata a sud di una linea da Grenoble a Bordeaux cessò, Bordeaux stessa resistette ancora e rimase nelle mani del nemico per alcuni mesi.

Il 1 settembre fu stabilito un contatto con la U.S. Third Army che formava il fianco destro delle forze alleate che operavano dalla Normandia. Il 15 settembre H.Q. 6 Army Group divenne operativo, al comando della Seventh U.S. Army e della First French Army, e passò sotto il comando del generale Eisenhower. In questa fase la responsabilità del controllo della mappa e del rilievo con il 6 Army Group passò da A.F.H.Q. a S.H.A.E.F.

 

LA CAMPAGNA IN ITALIA IN ESTATE E AUTUNNO (1944)

Il 12 maggio la Fifth Army e Eighth Army lanciarono un'offensiva su ampio fronte contro la Linea Gustav, attraversando i fiumi Rapido e Garigliano. Cassino con il suo monastero fu preso il 18 maggio, dopo un assalto delle truppe britanniche e polacche, e gli Alleati avanzarono verso la Linea Adolf Hitler, Fifth Army attaccò Anzio in sincronizzazione con l'attacco della Eighth Army più a est. Dopo un rapido inseguimento, il 30 maggio iniziò la battaglia di Roma, ai piedi degli Albani, la Eighth Army avanzava lungo la Strada Statale 6. Il 4 giugno entrò a Roma e, con la ritirata dei tedeschi, si verificò un'ulteriore avanzata lungo tutta la linea alleata. Civita Vecchia fu presa dalla Fifth Army l'8 giugno, Eighth Army conquistò Orsogna, Pescara e Perugia.

Il 30 giugno fu lanciata un'ulteriore offensiva lungo tutto il fronte e le truppe francesi occuparono Siena. Fifth Army fece quindi irruzione ed entrò a Livorno il 19 luglio, e Eighth Army avanzò attraverso Arezzo e conquistò Firenze l'11 agosto. Entro la fine di agosto il nemico era tornato sulla principale Linea Gotica, ma questa posizione fu violata dalla Fifth Army a ovest e dalla Eighth Army a est nel corso del mese. Il maltempo di ottobre rallentò i movimenti in tutta la Pianura Padana. Ci fu un cambio di comando verso la fine di novembre quando il generale Alexander fu promosso Field-Marshal e nominato Supreme Commander nel Mediterraneo, e il generale Mark Clark, della Fifth Army, divenne C.-in-C. della 15 Army Group.

 

L'INVERNO DEL 1944-45

I progressi durante i mesi invernali furono lenti, a causa dell'ostinata resistenza nemica, delle forti piogge e delle cattive condizioni stradali, ma Eighth Army prese Ravenna all'inizio di dicembre, le truppe neozelandesi entrarono a Faenza sulla strada per Bologna pochi giorni dopo. Verso la fine del mese i canadesi si spinsero verso il Senio e la Fifth Army si ritirò leggermente a seguito di un attacco tedesco nella valle del Fiume Serchio.

 

LA FASE FINALE

Nell'aprile 1945 gli Alleati ripresero l'offensiva, la Fifth Army eseguì un attacco a sorpresa sui monti che dominano la Piana Ligure, e la Eighth Army effettuò un'ulteriore avanzata dalla testa di ponte di Senio, assistita da uno sbarco via mare dietro la linea nemica. Il 12 aprile la Eighth Army attraversò in forza il fiume Santerno e la Fifth Army iniziò un nuovo assalto a sud di Bologna quattro giorni dopo. Bologna fu liberata il 21 aprile ed entrambi gli eserciti avanzarono e attraversarono il fiume Po. Alla fine del mese Verona, Genova, Milano e Venezia erano state occupate e Mussolini era stato giustiziato dai suoi stessi connazionali. Il 1 maggio i neozelandesi attraversarono il fiume Isonzo e presero contatto con le forze del maresciallo Tito. Altre truppe entrarono a Udine e la Fifth Army avanzò lungo il Golfo di Genova.

Il 2 maggio le forze tedesche in Italia si arresero.

 

Pianificazione del rilievo

In accordo alla normale politica del rilievo di guardare al futuro e, per ragioni di sicurezza, di diffondere i programmi cartografici su vaste aree, la produzione delle carte dell'Italia fu ripresa tra il G.S.G.S. (War Office) e Survey Directorate Middle East già nel 1941.

Non appena i piani per l'operazione "Torch" furono messi a punto, era ovvio che nello sfruttamento di tale operazione, combinato con una avanzata della Eighth Army dall'Egitto, si sarebbe aperta la strada per la cattura di Sicilia, Corsica e Sardegna, e gli sbarchi alleati nella stessa Italia. Vennero quindi innalzate le priorità per accelerare la produzione delle carte italiane e, dopo i primi sbarchi nell'Africa nord-occidentale, la Survey Directorate A.F.H.Q. assunse gran parte del lavoro. I particolari delle serie di mappe coinvolte, la loro produzione e revisione e la preparazione dei dati di triangolazione si troveranno nelle sezioni 2 e 3.

 

Organizzazione del rilievo

Nella sua essenza principale, l'organizzazione di ricognizione per la campagna italiana era una continuazione di quella esistente per l'Operazione "Torch" e per le operazioni della Eighth Army dall'Egitto in Tunisia e la successiva campagna in Sicilia. Il controllo supremo del rilievo e della mappatura all'interno del teatro era la A.F.H.Q. Survey Directorate, che rimase ad Algeri fino al giugno 1944, quando si trasferì a Caserta, vicino a Napoli.

Poco dopo i primi sbarchi in Italia nel settembre 1943, le forze alleate sulla terraferma passarono sotto il comando di H.Q. 15 Army Group che in seguito fu conosciuto come H.Q. Allied Armies in Italy (A.A.I.) e infine, nel dicembre 1944, fu ricostruito con il suo titolo originale di H.Q. 15 Army Group. Una piccola Survey Directorate presso questo H.Q. controllava il lavoro di rilievo e mappatura svolto dalle unità di rilievo alleate della Fifth e della Eighth Army. Con la Eighth Army britannica esisteva una normale direzione per i rilievi dell'esercito e con la Fifth Army (USA), che era sotto il comando americano, il controllo del rilievo veniva esercitato, in conformità con la pratica dell'esercito degli Stati Uniti, dal Army Engineer. Quest'ultimo aveva sempre uno, e talvolta due, ufficiali britannici di rilievo e alcuni British O.R. nella sua sezione di ingegneri dell'esercito H.Q.

Le unità di rilievo, britanniche, americane o polacche, erano disponibili a tutti i livelli di cui sopra, cioè a A.F.H.Q., H.Q. 15 Army Group e con i due eserciti sul campo. Il corpo degli Stati Uniti aveva anche le proprie Engineer Topographical Companies. Quando un corpo britannico fu inviato in Grecia per ristabilire e mantenere l'ordine al momento dei disordini dei ribelli, una piccola direzione per i rilievi e una società di rilievi sul campo R.E. accompagnarono le forze.

La struttura generale dell'organizzazione di indagine all'interno del teatro mediterraneo è illustrata schematicamente nel diagramma 6 e verranno ora presi in considerazione i vari livelli:

 

A.F.H.Q. Survey Directorate (D. Survey - Brigadier R. LL. Brown)

Questo è stato originariamente formato nella fase di pianificazione per l'Operazione "Torch" quando consisteva di due ufficiali britannici e due americani e pochi altri ranghi e uomini arruolati. Le complicazioni dovute alle differenze tra i metodi americani e britannici di controllo del personale divennero rapidamente evidenti e così, con un vero compromesso anglosassone, la Survey Directorate fu organizzata come parte della Engineer Section A.F.H.Q., ma con un capo britannico come Director of Survey a cui fu assegnato accesso diretto al Capo di Gabinetto ed a tutte le varie sedi del personale. Questo accordo un po bastardo e abbastanza poco ortodosso continuò per tutta la campagna fino alla fine delle ostilità e si rivelò estremamente efficiente e felice.

Si può notare che questa era una disposizione diversa da quella adottata nel caso dello S.H.A.E.F., anch'esso un quartier generale britannico-americano integrato. Là la Survey Directorate, guidata da un Director of Survey britannico, e composta da personale britannico e americano, formò la Map and Survey Section of the Operations (G-3) e, sebbene responsabile direttamente presso il Capo della Operations Division e non al capo di gabinetto, il Director of Survey aveva accesso diretto a tutte le divisioni del personale ed al personale aereo e si occupava direttamente di questioni di indagine tecnica con il Director of Military Survey (War Office) e con il Director of Survey in altri teatri quando necessario.

All'inizio la Survey Directorate al A.F.H.Q. era piccolo, ma fu sempre previsto che, con lo sviluppo delle operazioni, sarebbe stato necessario un grande aumento. Ciò che non era previsto era il ritardo che si sarebbe verificato nell'effettuare tali necessari aumenti.

Nell'aprile 1943, quando le operazioni in Tunisia volgevano al termine, la direzione aveva quattro ufficiali britannici e cinque americani, e aveva sotto il suo controllo diretto un battaglione topografico di ingegneri statunitensi, due sezioni di riproduzione di mappe R.E. e un deposito di rilievo sul campo R.E. Le operazioni in Nord Africa cessarono il 12 maggio e il 18 maggio il Brigadier R. LL. Brown assunse l'incarico di Director of Survey, incarico che mantenne fino alla fine della guerra. Era ora evidente che la direzione, e il servizio di rilevamento in generale, necessitavano di espansione e riorganizzazione per far fronte a dun maggiore impegno e per prepararsi alle nuove operazioni previste. Ufficiali topografici extra e uomini arruolati furono ottenuti dagli Stati Uniti, e la quota americana divenne quindi  di sei ufficiali e quattro uomini arruolati che, in assenza di un istituto autorizzato, furono trattenuti per lo più su una base di "convenienza". Nel frattempo furono aggiunti ufficiosamente un ufficiale neozelandese e quattro sudafricani, portando la quota britannica a 10 ufficiali e 17 di altri ranghi. La direzione rimase a questa forza approssimativa per il resto della guerra e, insieme a due squadre di deposito di mappe (USA), operò come una singola squadra integrata, più o meno sul sistema britannico, al servizio delle esigenze di tutte le forze di terra ed aeree . Il suo status di fatto non fu mai adeguatamente legalizzato ma, poiché tutto funzionò senza intoppi, le cose potevano rimanere indisturbate.

La funzione principale del A.F.H.Q. Survey Directorate, con le unità di rilevamento sotto il suo diretto controllo, erano garantire e controllare la preparazione e la fornitura di mappe e di dati di triangolazione per tutte le operazioni che potevano aver luogo. Alcune delle mappe furono compilate sul momento, altre erano vecchie aggiornate mediante revisione e furono fornite come scorte sfuse o sotto forma di materiale di riproduzione per l'uso da parte delle organizzazioni di ispezione dell'esercito che serviva la Fifth Army e la Eighth Army ed il loro supporto alle forze aeree. Le forze aeree strategiche e indipendenti nel teatro erano servite direttamente da A.F.H.Q. Survey Directorate.

Per le operazioni puramente terrestri era solitamente possibile completare un programma di mappatura alla base, o almeno portarlo in una fase in cui poteva essere consegnato a gruppi dell'esercito e all'esercito, che poi si assumevano la responsabilità dei successivi compiti di mappatura nelle loro aree di immediate e prospettiche operazioni. Questo infatti fu fatto in tutta Italia, le responsabilità di mappatura e revisione furono decentrate e modificate, ove necessario, per adeguarsi allo stato di avanzamento delle operazioni.

Nel caso di operazioni anfibie, invece, un G.H.Q. organizzazione dei rilievi fu spesso molto interessato alle forze d'assalto e ai suoi intimi bisogni di mappe e rilievi. A volte queste operazioni anfibie venivano organizzate con breve preavviso e le unità di rilievo delle forze d'assalto, sebbene ovviamente fortemente interessate al programma di mappatura in questione, potevano avere poco tempo o opportunità per studiare e prepararsi per l'operazione e le sue esigenze. Probabilmente si preoccupavano più immediatamente dei problemi di imbarco e elaboravano piani per le attività di rilievo che dovevano svolgere dopo lo sbarco. In tali condizioni un G.H.Q. organizzazione di rilievo doveva essere in grado di consegnare ad una formazione d'assalto i risultati di qualsiasi pianificazione e produzione di indagine che era già stata fatta, e le risorse in termini di unità di indagine molto al di sopra della sua normale assegnazione

Survey Directorate A.F.H.Q. fornì tale assistenza diretta per l'invasione della Sicilia (in congiunzione con il Medio Oriente), lo sbarco di Salerno, l'occupazione della Sardegna, della Corsica e dell'Elba e l'invasione della Francia meridionale.

Per gli sbarchi ad Anzio la mappatura delle forze d'assalto era controllata dall'esercito interessato.

Le unità di rilevamento sotto il controllo diretto A.F.H.Q. all'inizio della campagna in Italia erano i seguenti:

Gran Bretagna

516 and 518 Field Survey Companies R.E. (ritardoFirst Army).
11 and 12 Map Reproduction Sections R.E.
2 Air Survey Liaison Section R.E.
10 Field Survey (Stores) Depot R.E.
7, 12 and 26 Field Survey (Map) Depots R.E.

U.S.

649 Engineer Topographical Battalion (esercito).
Atlantic, Mediterranean, and Eastern Base Section Map Depots.
2611 and 2697 Engineer Map Depot Detachments.

Nel febbraio 1944, fu aggiunta una forza di mappatura extra quando il 30 Engineer Topographical Battalion (G.H.Q.) divenne disponibile presso A.F.H.Q. Tuttavia, non rimase a lungo poiché fu ridistribuito nel Pacifico durante l'estate. Furono aggiunti ulteriori distaccamenti di depositi di mappe, anche due distaccamenti di modellismo americani.

Dalla parte britannica si formò la "B" Air Survey Liaison Section, che prese il posto della No. 2 Section quando quest'ultima andò al comando del Sud-est asiatico. Verso la fine della campagna la 13 e 19 Field Survey Companies R.E. vennero direttamente sotto il controllo A.F.H.Q., e 11 e 12 Map Reproduction Sections furono unite per formare 650 Field Survey Production Company R.E. No. 524 (Palestinese) Field Survey Company R.E. e altri due depositi palestinesi per rilievi sul campo operavano anche sotto A.F.H.Q.

I preparativi per l'invasione della Francia meridionale ritardarono il trasferimento di A.F.H.Q. dal Nord Africa all'Italia. Il Survey Directorate era quindi al massimo della sua forza di 17 ufficiali, con 1.800 tecnici (britannici e americani) sotto il suo comando diretto nel A.F.H.Q. unità di rilievo ed ulteriori 1.200 in Medio Oriente. Algeri era, tuttavia, troppo lontana dalla scena delle operazioni e la Survey Directorate si trasferì a Caserta in giugno come parte del movimento generale di A.F.H.Q., appena prima dell'invasione della Francia meridionale. Anche le unità A.F.H.Q. di rilievo si spostarono in Italia con l'eccezione del 30 Engineer Topographical Battalion che andarono nel Pacifico, e 649 Engineer Topographical Battalion assegnati alla Seventh Army per le operazioni francesi.

A parte l'Africa, l'area della responsabilità della direzione dei rilievi per la mappatura ammontava a circa 880.000 miglia quadrate. Il numero di fogli di mappa individuali per i quali la direzione deteneva e conservava materiale di riproduzione era di quasi 18.000. Il numero di mappe prodotte per il teatro fu di oltre 134.000.000, più di quattro volte il numero totale prodotto per la prima guerra mondiale.

La produzione di mappe era, tuttavia, di scarso valore operativo a meno che non venivano distribuite alle forze di terra e aeree nel posto e nel momento giusto. Gli elogi ricevuti dal Director of Survey sia dai comandanti aerei che da quelli di terra erano una prova adeguata, se ce n'era bisogno, del modo soddisfacente in cui i requisiti di mappatura delle forze alleate erano stati soddisfatti durante la campagna.

Con la fine delle ostilità attive nel maggio 1945, le responsabilità di A.F.H.Q., dal punto di vista dell'indagine, naturalmente diminuirono. C'era una richiesta che gli ufficiali americani venissero ridistribuiti al teatro del Pacifico e la riduzione della direzione dei rilievi iniziò sul serio. Il Brigadier R. LL. Brown, dopo sei anni di servizio nel Mediterraneo, rinunciò alla sua nomina di Director of Survey e tornò nel Regno Unito.

 

H.Q. 15 Army Group (D.D. Survey - Colonnello K. M. Papworth; in seguito - Colonnello V. E. H. Sanceau)

In attesa dell'autorizzazione di uno stabilimento per una direzione dei rilievi presso questo H.Q. quando iniziò la campagna italiana, il colonnello K. M. Papworth era assegnato come D.D. Survey da un gruppo di ufficiali tenuto presso A.F.H.Q. noto come Survey Planning Increment. Ciò serviva a molti usi e faceva girare le ruote quando i ritardi dovuti alla procedura di costituzione della guerra avrebbero altrimenti impedito la nomina di ufficiali ai posti essenziali. Due capitani, uno britannico ed uno americano, furono inviati come suoi assistenti, e il No. 16 Field Survey Depot R.E. svolse compiti di deposito cartografico.

Lo stabilimento, quando autorizzato, prevedeva un D.D. Survey (Colonnello), due A.D.s Survey (Luogotenente - Colonnelli), uno dei quali era in prestito permanente alla Fifth Army, un D.A.D. Survey (Maggiore) ed un capitano. Per la maggior parte del periodo 517 Field Survey Company R.E. era sotto il controllo diretto di H.Q. 15 Army Group, ed in tempi diversi e per brevi periodi, 13, 19 e 514 Field Survey Companies R.E. erano anche disponibili per soddisfare requisiti speciali insieme a depositi extra per rilievi sul campo e distaccamenti di depositi di mappe.

Il 15 Army Group comprendeva la Fifth (USA) e la Eighth Army (britannica) con la consueta assegnazione di truppe del gruppo dell'esercito. La direzione del sondaggio era responsabile di:

  1. Controllare e dirigere i rilievi sul campo, la mappatura ed il rifornimento di mappe all'interno del gruppo dell'esercito.
  2. Fornire le esigenze di mappatura speciali dei vari rami del personale presso il gruppo dell'esercito H.Q. (Operazioni, Intelligence, ecc.).
  3. Fornire mappe direttamente alle truppe del gruppo dell'esercito.
  4. Fornire mappe alle forze aeree strategiche basate sulla terraferma italiana mentre A.F.H.Q. era tornato in Nord Africa. Questa responsabilità ricadette su A.F.H.Q. quando quest'ultimo si trasferì da Algeri all'Italia.
  5. Fornire mappe alla Second Tactical Air Force, che ha lavorato in cooperazione con il gruppo dell'esercito.

In accordo con la politica di rilevamento A.F.H.Q. la responsabilità per la nuova mappatura e revisione, e per la stampa di stock di mappe di alcune serie, era delegata da A.F.H.Q. al 15 Army Group su un'area di base. Questa responsabilità di area furono modificate man mano che le operazioni procedevano verso nord. Il 15 Army Group a sua volta decentrò la responsabilità verso i due eserciti in accordo con le loro attuali aree operative e immediatamente prospettiche, trattenendo per l'esecuzione da parte delle propria unità, alcuni compiti che non erano di immediato interesse operativo per i due eserciti.

Nell'aprile 1944, il colonnello Papworth fu nominato D. Survey presso G.H.Q. Middle East e gli successe il colonnello V. E. H. Sanceau come da D.D. Survey 15 Army Group. Quest'ultimo rimase in questo incarico per il resto della guerra.

 

Eighth Army (D.D. Survey - Colonnello V. E. H. Sanceau; in seguito - Colonnello S. G. Hudson)

La direzione del rilevamento passò in Italia nel settembre 1943, con il colonnello V. E. H. Sanceau come D.D. Survey. Le unità che inizialmente operavano con la Eighth Army erano 13 e 517 Field Survey Companies R.E., 7 General Survey Section R.E., e 20 (Army) Field Survey Depot R.E. A dicembre, la 517 Company, dopo 14 mesi di prezioso servizio con la Eighth Army da Alamein alla Tunisia, Sicilia e Italia, passò al comando del 15 Army Group e fu sostituita dalla 514 Field Survey Company R.E. dal Medio Oriente. Quindi, a marzo, la 13 Field Survey Company fu assegnata sotto il controllo di A.F.H.Q., il suo posto fu preso da 49 South African Survey Company. A marzo anche la Polish Survey Directorate entrò a far parte della Eighth Armye e assunse il controllo del lavoro di 12 Polish Field Survey Company e 312 Polish Field Survey Depot. Rimasero con la Eighth Armya per tutta la campagna.

Quando il colonnello Sanceau fu nominato D.D. Survey presso H.Q. 15 Army Group gli successe il colonnello S. G. Hudson, che mantenne la nomina di D.D. Survey Eighth Armya fino alla fine delle ostilità.

20 (Army) Field Survey Depot fu ridisegnato 29 Field Survey Depot e, alla fine dell'estate del 1944, la 514 Field Survey Company, dopo nove mesi di servizio faticoso ed efficiente con la Eighth Army, fu ritirata, sostituita dalla 518 Field Survey Company da AFHQ, una delle due unità originali con la First Army durante l'operazione "Torch". Insieme alla 49 Survey Company (S.A.E.C), alla 7 General Survey Section ed alla 29 Field Survey Depot, la 518 Company rimase con la Eighth Army fino alla fine della guerra.

Le attività tecniche delle unità di ricognizione della Eighth Army furono indicate nelle sezioni appropriate che seguono. Che il loro lavoro sia stato apprezzato come parte degna della vittoria finale è dimostrato dal seguente messaggio ricevuto da D.D. Survey dal Army Commander:

Voglio ringraziare e congratularmi con tutti i ranghi del Survey Service per lo splendido lavoro che avete svolto durante tutta la Campagna d'Italia, specialmente durante l'ultima grande battaglia, e dalla fine delle ostilità, quando siete stati più impegnati che mai. Il vostro successo nel fornire tutte le mappe richieste è stato ottenuto solo come risultato della massima previdenza, energia e duro lavoro da parte di tutti gli interessati.
Durante le fasi di pianificazione e durante le fasi mobili, la pressione è stata intensa e la tensione sulla vostra organizzazione è stata grande. Ma con il meglio possibile avete superato ogni difficoltà e non avete mai mancato di soddisfare le richieste più ambiziose, spesso con il più breve preavviso.
Ben fatto davvero; avete svolto un ruolo essenziale nella sconfitta finale del nemico.

 

Fifth Army (Ufficiale assegnato British Survey Officer - Tenente colonnello A. H. Dowson, R.E)

Poiché la Fifth Army era prevalentemente americana, sotto il comando americano, l'organizzazione dei rilievi era fondamentalmente conforme alla normale pratica statunitense. Ciò significava che il controllo dell'indagine veniva esercitato dal Army Engineer presso la Army H.Q. Tuttavia, un ufficiale ingegnere topografico (il tenente colonnello J. G. Ladd) era stato nominato per occuparsi delle questioni di rilievo e svolgeva le funzioni di ciò che, nell'esercito britannico, sarebbe stato quello di un D.D. Survey, le seguenti unità furono disponibili praticamente per tutto il periodo:

66 Engineer Topographical Company (Corpo).
46 Survey Company (South African Engineer Corps).
Distaccamento di 3059 Engineer Model-Making Detachment.
1710 e 1712 Engineer Map Depot Detachments.

Le prime due delle suddette unità fornivano forti risorse per la stampa di mappe ed i gruppi di rilievo della 46 Survey Company eseguivano la maggior parte del lavoro di rilievo sul campo richiesto lungo il fronte dell'esercito.

Una seconda compagnia topografica di ingegnere (corpo) era disponibile per una parte della campagna, ma queste unità di corpo erano sotto il controllo dell'ingegnere di corpo, ed era solo di comune accordo tra l'esercito e gli ingegneri di corpo che furono rese disponibili per l'uso a livello dell'esercito. Le loro funzioni erano principalmente di soddisfare le esigenze locali del corpo che servivano.

Come nel caso della Eighth Army, i programmi di mappatura e revisione furono delegati alla Fifth Army dal Survey Directorate 15 Army Group in conformità con l'attuale politica di rilevamento stabilita da A.F.H.Q.